Chiesa Convento e Oratorio di Santa Maria Maddallena della Mascarella

Chiesa Convento e Oratorio della Santa Maria Maddallena della Mascarella via Mascarella 44, 45 e 48, e la Chiesa di Santa Maria della Purificazione e di San Domenico.

In origine il convento e la chiesa detta della Mascarella, furono fondati i Canonici di Roncisvalle nel 1242.
I frati Domenicani, successivamente trasferiti nel 1219 nella chiesa di San Nicolò delle Vigne, dove sorge l'attuale Basilica di San Domenico. I Canonici fondarono nel 1242 un ospitale per pellegrini spagnoli, ricostruito nel 1343 e 1706 insieme a una piccola chiesa ed entrambi dedicati a Sant'Onofrio.

Nel 1532 la chiesa ospitavano i fanciulli bisognosi, con annesso oratorio, intitolò alla Santa la chiesa successivamente affidata ai Gesuiti dal pontefice Pio IV 1499 - 1565.

Nel XVI secolo la chiesa e l'annesso oratorio settecentesco furono concessi alla Confraternita della Maddalena. Nel 1765 l'edificio fu riedificato come il progetto attribuiti da alcuni studiosi.

Il portico è costituito da due pilastri laterali e da due colonne laterizie nella parte centrale, con basi e capitelli di derivazione tuscanica. Al di sopra, si alza un arco a tutto sesto con ghiera in rilievo che appoggia sui sostegno verticali e affiancato da due tratti di architrave in arenaria che appoggiano sui sostegni verticali, dando forma ad un apertura a serliana. Nel l'ingresso con la seconda nicchiala, la statua della Maddalena, il sottoportico ha una volta a crociera al centro e due volte a botte laterali, impostate su una fascia sostenuta da capitelli e pensili.

Il complesso rimase attivo fino al 1807 poi la chiesa fu chiusa per diventare la sede di una Confraternita. Dopo i danni causati dai bombardamenti del 1943 - 1944, chiesa e oratorio furono restaurati: la chiesa, trasformata in cinema nel 1962, oggi adibita ad aula universitaria di cui resta soltanto la facciata su via Mascarella. Vi si accede dall'edificio adiacente che fu l'antico Ospitale di Sant'Onofrio.